In Cascina Arzilla, bene confiscato alla malavita organizzata e gestito oggi da Libera e associazione culturale Acmos.

Il pubblico contribuisce liberamente alla fine dello spettacolo.